top of page
  • Sofia Collatina

Come scegliamo il nostro partner e perché ne siamo attratti?

Aggiornamento: 21 ott 2023

Si tende a pensare che l'attrazione verso una persona sia casuale o che si basi unicamente sull'aspetto fisico o modi di atteggiarsi.


In realtà, spesso accade che sentiamo attrazione verso alcune persone sulla base del rapporto con le nostre figure genitoriali. Incredibile, vero?


Sì, veniamo attratti da persone che hanno tratti simili ad una delle nostre figure d’attaccamento (genitori o più in generale persone che si sono prese cura di noi, i caregiver) oppure con cui si possono creare delle dinamiche relazionali simili.


Perché?


Diversi motivi:


  • I genitori (più in generale, i caregiver) hanno un’influenza molto forte sui propri figli e figlie, poiché sono le persone da cui dipendono per la loro sopravvivenza (sì, quando siamo molto piccoli senza un caregiver, non sopravviveremmo!) e con cui instaurano relazioni molto intense.

  • Tendiamo a ricercare persone simili a caregiver con cui abbiamo un conflitto aperto, o con cui sono rimaste in sospeso delle questioni, delle emozioni, dei bisogni profondi insoddisfatti. Infatti, la nostra parte inconscia desidera “risolvere” le ferite profonde che abbiamo, ricercando persone con cui rivivere quelle dinamiche e sensazioni, con la speranza di ricevere finalmente ciò che è mancato.

  • Come esseri umani ricerchiamo stabilità e prevedibilità. Questo ci garantisce di sentirci tranquilli e sicuri delle nostre capacità di gestire ciò che ci si presenta (abbiamo quindi la sensazione di un maggiore controllo). È per questo che cerchiamo ciò che è familiare, che conosciamo, anche se fa male.


Questo vuol dire che le relazioni che abbiamo attualmente non vanno più bene perché condizionate da dinamiche passate? Non necessariamente. Nelle relazioni è possibile cambiare e avviare modalità diverse e più funzionali per noi stessi e la relazione. Sapere in che modo scegliamo il/la partner, però, ci permette di essere più consapevoli e metterci nella condizione di prendere decisioni veramente libere.


 

Riferimenti:


L. S. BENJAMIN (2019). Terapia ricostruttiva interpersonale. Raffaello Cortina Editore, Milano.

17 visualizzazioni0 commenti
bottom of page